Salve, Polo e-news.
Benvenuto in Polo e-news, la newsletter ufficiale del Polo Museale Fiorentino




A cura
di Marco Ferri
e Marco Fossi



Polo e-news | Numero 9 del 18 giugno 2012

HOME POLO MUSEALE MUSEI DEL POLO MOSTRE IN CORSO

"BAGLIORI DORATI" AGLI UFFIZI

Le sale del piano nobile della Galleria degli Uffizi dal 19 giugno al 4 novembre 2012 ospitano "Bagliori dorati. Il gotico internazionale a Firenze 1375-1440", un’importante esposizione che vuole ricostruire il panorama dell’arte fiorentina nel periodo mirabile e cruciale che approssimativamente va dal 1375 al 1440. Per restituire il clima colto e prezioso di quella lunga stagione, verranno esposti accanto a dipinti celebrati da secoli altri pregevolissimi ma finora poco conosciuti al grande pubblico, così come sculture lignee e marmoree, codici miniati, lavori d’arte sacra e profana: creazioni tutte di sommo pregio e di assoluta rilevanza storica, provenienti da prestigiose istituzioni museali pubbliche, nonché da collezioni private italiane e straniere. Secondando la cronologia, il percorso prenderà le mosse dalle opere degli interpreti massimi dell’ultima fase della tradizione trecentesca. E si ammireranno opere di Agnolo Gaddi, Spinello Aretino, Antonio Veneziano, Gherardo Starnina e Lorenzo Monaco. Artista, quest’ultimo, che dopo la morte dello Starnina rimane il maggior pittore fiorentino a proporre del gotico estremo una variante personalissima, estranea perfino al naturalismo raffinato di Gentile da Fabriano; testimone lirico di quegli anni, lui pure presente in mostra con tavole famose per la loro bellezza struggente. Si vedranno i lavori di artefici operosi a Firenze fra Trecento e Quattrocento, animati da una disposizione culturale volta all’osservanza della recente tradizione artistica tardo trecentesca e nel contempo però interessata alle dirompenti novità della nuova dottrina umanistica, con i fervidi recuperi dell’antico che suggeriva. Opere che staranno lì a rappresentare, al più alto livello, pittori meritevoli di una più diffusa conoscenza: Lippo d’Andrea, Mariotto di Cristofano, Giovanni Toscani, Ventura di Moro, Francesco d’Antonio e Arcangelo di Cola.
Insieme, però, si sperimenteranno le virtù poetiche di Lorenzo Ghiberti, personalità fra le più eminenti del tardogotico fiorentino, nel cui cantiere per la prima porta del Battistero, durante la fase iniziale della sua attività, s’erano formati quasi tutti gli artisti di spicco operosi a Firenze. E lì accanto sarà dato osservare la maniera soave del Beato Angelico, artista emblematico - insieme a Michelozzo - di una linea espressiva che aspirava a coniugare l’eredità del linguaggio artistico del recente passato con quanto d’inedito stava maturando in città con Brunelleschi e Masaccio. Linea che aveva il conforto di alcuni grandi umanisti, che orbitavano intorno a Cosimo il Vecchio de’ Medici. Infine - a chiudere, davvero in un bagliore, il tragitto - si troverà uno dei testi più insigni del primo Quattrocento, restituito a una insospettata leggibilità: la Battaglia di San Romano di Paolo Uccello, volo fantastico, capace di sintetizzare i sogni di un’epoca irripetibile. Per prenotazioni on line clicca qui




CLAVICEMBALO IN SAN MARCO



E' programmato per domenica 24 giugno, alle ore 11 nella Biblioteca Monumentale del Museo di San Marco per il concerto organizzato in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Luigi Cherubini” di Firenze. Protagonista dell'appuntamento musicale nel giorno della ricorrenza del Santo Patrono sarà la giovane clavicembalista Anastasia Abu Bakar, la quale eseguirà musiche di Frescobaldi, Bach, Forqueray. La direzione del museo informa che si potrà assistere al concerto solo acquistando il biglietto d’ingresso al Museo. L’ingresso alla Biblioteca sarà consentito ad un massimo di 120 persone. Anastasia Abu Bakar è nata nel 1988 in Malesia. Ha iniziato la sua formazione professionale di pianoforte sotto la guida del Prof. Snezana Panovska all’età di sei anni e successivamente con Ng Chong Lim. Nell’ottobre 2007 Anastasia ha iniziato la sua formazione musicale superiore alla Hochschule für Musik di Freiburg a Friburgo, in Germania, dove ha studiato pianoforte sotto la guida del professor Elza Kolodin. Un anno dopo ha fatto il passaggio dal pianoforte alla tastiera storica, iscrivendosi nella classe di cembalo / fortepiano del Prof. Dr. Robert Hill presso la stessa istituzione


TORNA VISIBILE LA TRIBUNA



Da martedì 26 giugno, nel corridoio di levante della Galleria degli Uffizi, tornerà visibile la Tribuna progettata da Bernardo Buontalenti. Grazie al restauro finanziato dalla Fondazione non-profit Friends of Florence, dopo oltre due anni di interventi si potrà di nuovo ammirare questa sorta di wunderkammer del primo museo d'Italia. Ma non sarà possibile entrarvi, in quanto il nuovo allestimento - di stile settecentesco e curato da Antonio Natali e Francesca Deluca - sarà visibile sia frontalmente - dal primo corridoio della Galleria - sia dalle sale adiacenti, cioè la numero 15 e la numero 19 -. (Nella fotografia un particolare della volta della Tribuna.


IL DOLCE POTERE DELLE CORDE



Saranno la soprintendente del Polo Museale Fiorentino e la direttrice Marzia Faietti a inaugurare, mercoledì 20 giugno la mostra "Il dolce potere delle corde. Orfeo, Apollo, Arione e Davide nella grafica tra Quattro e Cinquecento" nella sala detti del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi. La mostra, curata da Susanne Pollack, scaturisce dalla collaborazione tra l’istituto diretto da Marzia Faietti e il Kunsthistorisches Institut in Florenz, Max-Planck Institut – con il contributo dell’Associazione Culturale MetaMorfosi - resterà visibile fino al 23 settembre ed è dedicata alla rappresentazione di un oggetto - lo strumento a corda, appunto - il cui suono, invisibile e incorporeo, rese protagonisti di miti e storie testamentarie Orfeo, Apollo, Arione e Davide.


TEATRO A VILLA LA PETRAIA



Appuntamento sabato 30 giugno, alle 21.30 a Villa La Petraia di Firenze per lo spettacolo teatrale "L'ultima opportunità" testo e regia di Luca Palli. Germania, autunno del 1944: il ventre vuoto di un teatro, il rumore dei bombardamenti che quotidianamente martellano le città tedesche, un uomo ferito che cerca un riparo. L’uomo è Manfred Schacht, un famoso attore ormai ridotto all’anonimato e alla miseria per motivi che non possiamo conoscere. Sono forse gli ultimi istanti di Manfred Schacht? Forse...; Info e prenotazioni: info@arabafenice.org. ingresso 10 euro. Per l'occasione sarà presente un servizio navetta gratuito dal cancello principale all'ingresso della villa. 



LA LOGGIA DEI LANZI SOTTO UNA NUOVA LUCE

Da lunedi' 18 giugno, alle ore 23.30, la Loggia dei Lanzi (parte integrante della Gallweria degli Uffizi) avrà una nuova illuminazione, donata dallo stilista Stefano Ricci alla città di Firenze. L'niziativa è uno dei momenti più significativi del 40° anniversario della fondazione della casa di alta moda maschile fiorentina, che coincide con la presentazione della nuova collezione di Stefano Ricci nella Galleria degli Uffizi, concessa per la prima volta nella storia per una sfilata. La soprintendente del polo museale Cristina Acidini ha sottolineato che ''l'illuminazione della Loggia dell'Orcagna o dei Lanzi, resa possibile dalla liberalità di Stefano con Filippo e Niccolò Ricci , conferisce a questa 'sala all'aperto' degli Uffizi una rinnovata e raffinata visibilità. Progettata sapientemente all'insegna della flessibilità e della discrezione, la distribuzione della luce valorizza l'architettura e la statuaria di questo maestoso ambiente pubblico, antico simbolo di fierezza civica ancor prima che scrigno d'antichità e d'arte''.


Polo e-news